Terreni Agricoli

Tu sei qui:

DETERMINARE IL TIPO DI CULTURE 

Per sviluppare efficacemente l’attività agricola, è necessario iniziare dal suolo stesso. Le radici ottengono acqua e altri nutrienti dal suolo. Le attente analisi progettuali di GEOLAB e il costante controllo dei processi permette di determinare con precisione se suolo ospita microrganismi, insetti e piccoli animali che influenzano anche la vita delle piante. La porosità del suolo e la materia organica sono caratteristiche fisiche fondamentali per la fertilità del suolo. Il PH (misurazione degli ioni di idrogeno) e gli elementi chimici vengono misurati nell’analisi chimica del suolo per ottimizzare il tipo di colture e di fertilizzazione.  

Una valutazione del suolo su base regolare e selettiva permette di: il o dannoso per l’ambiente (Norkham, 2016).  
L’esperienza di GEOLAB ha stabilito che È inoltre fondamentale evitare eccessi o carenze di azoto, fosforo e potassio, fondamentali per la salute delle piante (Kilham, 2016). I metodi di analisi del suolo sono essenziali per identificare il corretto approccio di fertilizzazione (Norkham, 2016).  

 

LA SCELTA DEL PIANO DI CONCIMAZIONE 


La quantità di sostanze nutritive assorbite dall’apparato radicale viene calcolata determinando la quantità di sostanza organica prodotta dalle piante in un anno, tenendo conto della quantità di azoto, fosforo, potassio, zolfo, calcio, magnesio e microelementi. Le “asportazioni” delle piante sono calcolate sottraendo alla quantità di sostanza organica apportata la quantità di sostanza organica restituita al suolo attraverso il legno di potatura, le foglie, gli steli, ecc. La quantità di reintegro dipende dalla resa produttiva: più una coltura è produttiva, più ha bisogno di nutrienti, poiché ne assorbe di più al momento del raccolto. 

I risultati mostrano che, senza le colture di copertura, si verificherebbe una significativa perdita di materia organica nel suolo e un aumento del potenziale erosivo nel tempo. Le colture di copertura aiutano a mantenere una struttura sana del suolo e a prevenire l’erosione, fornendo al contempo una fonte di biomassa per il compostaggio o la pacciamatura intorno ad alberi o fiori. 

 
PREIMPIANTO

 
Secondo la gestione dei fertilizzanti, la prima grande differenziazione è se saremo in grado di distribuire le unità necessarie in modo frazionato durante la stagione di crescita. Ogni giorno dell’anno le colture assumono sostanze nutritive, dalla ripresa al riposo, e se siamo in grado di soddisfare queste richieste per tempo, saremo più efficienti, avremo meno sprechi e otterremo risultati migliori. Chi vuole concimare nel modo più corretto ed efficace possibile e non ha la possibilità di concimare una o più colture di copertura, potrà valutare quanto e quale concime è necessario distribuire prima della semina o dell’impianto, o del risveglio vegetativo, con le analisi del terreno alla mano.  
 

FRAZIONATO


Secondo la gestione dei fertilizzanti, la prima grande differenziazione è se saremo in grado di distribuire le unità necessarie in modo frazionato durante la stagione di crescita. Ogni giorno dell’anno le colture assumono sostanze nutritive, dalla ripresa al riposo, e se siamo in grado di soddisfare queste richieste per tempo, saremo più efficienti, avremo meno sprechi e otterremo risultati migliori. Chi vuole concimare nel modo più corretto ed efficace possibile e non ha la possibilità di concimare una o più colture di copertura, potrà valutare quanto e quale concime è necessario distribuire prima della semina o dell’impianto, o del risveglio vegetativo, con le analisi del terreno alla mano.  

FERTIGAZIONE

 
La fertirrigazione è un approccio all’avanguardia che ci permette di fornire in ogni fase la giusta quantità di fertilizzante in base alle esigenze delle colture, oltre al metodo più efficiente ed economico per farlo. Questo approccio è anche in grado di determinare se concimare o meno durante la stagione di crescita, evitando sprechi di denaro e di materiali, evitando di concimare quando non è necessario. Inoltre, possiamo anticipare o ritardare i raccolti, migliorare i parametri di qualità come dimensioni, colore, conservabilità e gestire in modo rapido ed efficiente gli squilibri o le carenze fisiologiche. È anche la tecnica più conveniente, in quanto fornisce le maggiori rese possibili a parità di quantità di fertilizzante apportato.  

I professionisti, vere eccellenze, di cui è composto il team di GEOLAB, sapranno sempre come indirizzarti verso il la scelta più corretta da percorrere. 

Hai bisogno di effettuare un’analisi terreno agricolo? 

Condividi sui Social
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin