Consulenza Ambientale

Tu sei qui:

Con il passare del tempo, aumenta la quantità di siti inquinati.

Ciò comporta un aumento delle esigenze di bonifica ambientale. GEOLAB, può essere un tuo partner del tuo sviluppo industriale senza che questo impatti negativamente sull’ambiente. 
GEOLAB può infatti supportarti in tutte le fasi progettuali, analisi e controllo delle normative presenti e specifiche per ogni territorio e tipologia merceologica. 

In caso di contaminazione causata da piante o acqua, GEOLAB offre servizi di bonifica di queste aree inquinate. Con un’esperienza decennale nella bonifica di questo tipo di luoghi, GEOLAB ha aiutato molte persone a rimuovere la contaminazione del suolo o delle piante, in modo da restituire queste aree alla natura senza preoccuparsi dell’inquinamento dell’ambiente. 

Una tipologia comune comprende i protocolli di emergenza, come nel caso di un incidente, in cui gli specialisti dello smaltimento devono rimuovere rapidamente gli inquinanti dalle aree popolate prima che diventino troppo pericolosi per i residenti, assicurando al contempo che le aree di stoccaggio dei rifiuti siano tenute lontane dalla vita umana, a meno che non sia assolutamente necessario contenere le sostanze chimiche. 
Oltre alle situazioni di emergenza, la bonifica e il ripristino ambientale possono essere utilizzati in altri contesti. Ad esempio, in alcuni Paesi esistono leggi che impongono alle aziende di bonificare l’inquinamento causato durante le loro attività. Se la vostra azienda ha inquinato un’area ed è tenuta per legge a ripulirla, dovreste consultare un’azienda di bonifica ambientale professionale prima di iniziare qualsiasi lavoro, in modo da evitare di causare ulteriori danni o di rilasciare ulteriori tossine nell’ambiente. 
Questo tipo di lavoro viene utilizzato anche per ripristinare gli ecosistemi danneggiati e riportarli il più possibile al loro stato naturale. Ad esempio, dopo l’uragano Sandy che ha colpito New York nel 2012, le squadre hanno lavorato 24 ore su 24 per rimuovere i detriti depositati dalle inondazioni causate dalle maree lungo la costa della città. 
Lo stesso principio si applica al ripristino dei terreni danneggiati da operazioni minerarie o da progetti di costruzione come autostrade e dighe.  

STRATEGIE DI GESTIONE DELLE CRISI: 

  • Risposta alle emergenze: è il tipo di strategia di crisi più comune e prevede l’adozione di misure immediate per contenere i danni e prevenire ulteriori danni. Ad esempio, se un edificio va a fuoco, i vigili del fuoco cercheranno di spegnere le fiamme utilizzando tutte le risorse disponibili. In alcuni casi, come quando sono coinvolte sostanze chimiche, ai vigili del fuoco può essere richiesto di indossare indumenti e maschere protettive per evitare di essere esposti a sostanze pericolose. 
  • Intervento: questo tipo di risposta viene utilizzato quando un evento si è già verificato, ma c’è ancora tempo per un’azione preventiva prima che si verifichino altri danni. Ad esempio, se nella vostra zona c’è un allarme tornado, potreste scegliere di evacuare la vostra casa o di trovare riparo altrove finché la tempesta non passa. 
  • Prevenzione: questo tipo di risposta consiste nel prendere provvedimenti in anticipo rispetto al verificarsi di un evento, in modo che non diventi mai un problema. Ad esempio, se sapete che la vostra auto ha bisogno di pneumatici, ma sono costosi e non avete ancora abbastanza soldi da parte, potreste rimandare l’acquisto fino a quando non avrete abbastanza soldi da parte o tenere traccia di quando i vostri pneumatici devono essere sostituiti, in modo da poter pianificare in anticipo e assicurarvi che vengano sostituiti. 

 

Le strategie di intervento per ridurre i rischi per l’ambiente e la salute pubblica dipendono spesso da valutazioni dettagliate specifiche del sito, che tengono conto di molti fattori prima di decidere quale potrebbe essere la soluzione migliore.  
Per questo che GEOLAB raccomanda sempre di iniziare da subito un confronto per prevenire potenziali problematiche trovare subito delle soluzioni. 
Le tecniche di isolamento superficiale, perimetrale e di fondo svolgono tutte un ruolo importante nel garantire che la contaminazione rimanga dove deve rimanere, ovvero all’interno di un’area contaminata. 

Le tecniche di incapsulamento possono essere utilizzate sia per l’isolamento superficiale che per quello perimetrale; si basano principalmente su materiali permeabili come l’argilla, il terreno o il cemento per proteggere il terreno dai contaminanti nocivi. 

Condividi sui Social
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin